Prodotti Sostenibili

Il nostro sistema di vendita consente un ricavo equo per il produttore e un giusto compenso al servizio, garantendo un cibo sano e genuino per te che acquisti.

Alcuni dei nostri produttori sono produttori biologici certificati, altri, pur non avendo ancora acquisito la certificazione, o non avendola voluta acquisire, coltivano comunque con metodi naturali e non intensivi, senza preoccuparsi di carte e certificazioni.
 
AIUTIAMO I NOSTRI AGRICOLTORI, CONSUMIAMO I LORO PRODOTTI, GENUINI, SANI E LAVORATI CON MATERIE PRIME 100% PROVINCIALI, REGIONALI O AL MASSIMO ITALIANE.

Questo mio progetto sosterrà la "filera corta", cioè il passaggio diretto dalla produzione al cliente finale, ELIMINANDO tutti quei passaggi che danneggiano il prodotto e l'ambiente che ci circonda.
Immaginate quanti trasporti e quante alterazioni organolettiche subiscono alcuni prodotti che vanno sulle nostre tavole, quando ad esempio, il latte arriva dalla Romania, o le olive arrivano dalla Tunisia, i pomodori dalla Cina......purtroppo potremmo fare molti altri esempi!!!
E parecchio latte che producono i nostri agricoltori viene buttato via quotidianamente, così come i pomodori e le arance!!
Per colpa dell'Unione Europea e non solo, che rende libero questo mercato senza più pensare che esiste una qualità da tutelare e una sicurezza alimentare da garantire.
Bisogna che ognuno di noi sfrutti i prodotti del propio territorio, che torni alle origini, propio come si faceva un tempo.
...........e pensare che facendo così si migliorerebbe:

* LA QUALITA' DEL PRODOTTO.
* L'AMBIENTE IN CUI VIVIAMO, FACENDO UN MINOR USO DI PLASTICA, VETRO E ALTRO.
* LA RIDUZIONE DEI TRASPORTI CHE OGNI GIORNO TROVIAMO SULLE NOSTRE STRADE.
* LA VALORIZZAZIONE DEI PRODOTTI ITALIANI E DEI PRODOTTI DEL NOSTRO TERRITORIO.
* UN'ALIMENTAZIONE SANA E PIENA DI SAPORI.
STAGIONALITA'
Gli ortaggi sono un gruppo molto vasto, che comprende piante, foglie, radici, frutti, fiori, semi... veramente categorie eterogenee di prodotti, che hanno però caratteristiche nutrizionali comuni: molta acqua, poche proteine e grassi, tante vitamine, sali minerali e fibra alimentare.
Complessivamente molto digeribili e poco calorici, gli ortaggi contribuiscono in maniera essenziale ad un'alimentazione sana e corretta. Per questo è importante scegliere prodotti di stagione, di media grandezza, dall'aspetto sano e integro.preparazione di saporite zuppe, che hanno sempre fatto parte della tradizione italiana.
La stagionalità
Un altra importante avvertenza è quella di rispettare le stagionalità. Oggi è possibile trovare nei negozi le principali specie di ortaggi quasi in ogni stagione: Ciò è dovuto a diversi fattori:
• la facilità delle importazioni da paesi caldi o agli antipodi
• le conservazioni oggi tecnicamente più facili: surgelazione, liofilizzazione, che si aggiungono alle tecniche già collaudate nel passato: sterilizzazione in vaso o in scatola, conservazione in ambienti freschi e ad atmosfera condizionata
• i trattamenti chimici antimuffa
• le mutazioni genetiche, che creano OGM resistenti alla marcescenza e quindi di lunga durata, anche se spesso si tratta di pericolose apparenze.
Non raccomanderemo mai abbastanza il rispetto delle stagionalità, Consumare le verdure e la frutta solo secondo le stagioni significa:
• sintonizzare il nostro nutrimento con i cambiamenti che le caratteristiche stagionali - caldo e freddo, luminosità, durata del giorno - inducono nei cibi e nel nostro stesso organismo
• consumare i vari alimenti nel momento della massima presenza di nutrienti (vitamine, zuccheri, flavonoidi, ecc), che raggiunge la quota ottimale nella maturazione naturale
• rispettare tempi di astinenza, che coincidono con quelli di non produzione stagionale, che assicurano il non insorgere di intolleranze alimentari. Interrompere per esempio per tutto l'inverno e la primavera il consuno di pomodori o melanzane interompe per qualche mese l'assunzione di allergeni presenti in questi frutti (peraltro ricchi di nutrienti), evitando il rischio di pericolose intolleranze
• non ultimo, risparmiare.
Consumiamo molte verdure crude!
Non tutte le verdure si possono consumare crude. Alcune sono pericolose o indigeste se non passano attraverso la distruzione di componenti termolabili attraverso la temperatura o la scomposizione di molecole difficilmente digeribili attraverso l'azione del calore. Anche il gusto stesso di alcuni ortaggi (come i broccoli) consumabili crudi, migliora con la cottura.
Ma la cottura danneggia anche alcuni nutrienti come certe vitamine, acidi grassi polinsaturi e alcuni bioflavonoidi, diminuendone la presenza o alterandone la composizione. Aumentare la quantità di ortaggi crudi negli alimenti quotidiani migliora certamente la qualità del nostro cibo. Usciamo dalle abitudini antiche: alcuni ortaggi (penso al cavolfiore, alle rape, ai piselli immaturi, ai cavoli...) sono buonissmi anche crudi e costituiscono una nota diversa e gustosa, oltre che salutare, nei nostri piatti.






facebook - twitter - blog
La Cascina in Città - tel +39 338 9999397 - PI --------------- - info@lacascinaincitta.it - copyright © La Cascina in Città - 2011